Stai pensando di comprare una fascia rigida porta bebè o l’hai già comprata? Fantastico! Mi ricordo l’entusiasmo da neomamma, quando non vedi l’ora di iniziare ad utilizzare una nuova fascia. Come probabilmente già sai, la pratica del babywearing, cioè portare il bambino in fascia, ha tantissimi benefici sullo sviluppo del tuo piccolo e anche sulla vita quotidiana.

Puoi leggere di più sui benefici da questo post Benefici del portare in fascia.

Ho voluto scrivere questo post per aprirti un po’ al mondo della tua fascia tessuta porta bebè. In questo post ti descrivo il processo di come si crea una nuova fascia, partendo dalla progettazione, dalla scelta dei materiali e del pattern, sino alla scelta dei colori.

Hai mai pensato a come nasce una fascia rigida porta bebè?

Vediamo il dietro le quinte per capire un po’ di più cosa stia dietro ogni fascia fatta col cuore!

Fascia rigida porta bebè vs. tovaglia o lenzuola

La struttura del tessuto per le fasce porta bebè è estremamente importante. La struttura del tessuto definisce la funzionalità della fascia nella pratica. La struttura deve essere progettata in modo tale da dare al tessuto le migliori caratteristiche di una fascia tessuta porta bebè.

Il tessuto delle fasce porta bebè consiste dell’ordito (base) e della trama (i fili che intrecciano con l’ordito). La trama è l’insieme di fili che concorrono insieme a quelli dell’ordito per formare un tessuto.

Se la struttura non è stata studiata appositamente per uso come fascia rigida, il tessuto risulta poco elastico, proprio come una tovaglia o un lenzuolo. Per creare la struttura ideale, ci vuole esperienza e maestria. Le nostre fasce tessute sono state progettate insieme ad un’ingegnere tessile per ottenere un prodotto di massima qualità tecnica e funzionale.

Scegliamo i filati

La scelta dei filati vale sia per la scelta del materiale che per il tipo (titolo) di filato. Tutti e due i fattori influiscono veramente tanto sul risultato finale. Dei materiali, in particolare del cotone, puoi leggere di più nel post Perché scegliere una fascia porta bebè in cotone organico e anche sul post Perché scegliere bene i materiale della fascia porta bebè.

La fascia che hai tra le mani è stata tessuta da un tipo o più tipi di filati. L’avrai scelto perché ti piaceva al tatto, oppure perché preferisci un materiale, o una combinazione (blend) di due o più materiali.

Ogni produttore di fasce porta bebè sceglie i filati secondo i propri parametri di qualità e i propri valori. è chiaro che da un filato di bassa qualità non possa nascere una fascia tessuta di alta qualità.

La qualità dei filati è influenzata dalla lunghezza, dalla resistenza e dalla flessibilità della fibra. Altrettanto importante è la capacità di subire il trattamento di tintura, al fine di produrre i tessuti con cui poi si realizzano le fasce rigide tessute.

Parlando di qualità dei filati è piuttosto chiaro che i tessuti ricavati dalle fibre naturali siano nettamente superiori a quelli ottenuti dalle fibre sintetiche sia a livello di consistenza, che di confort e di igiene. I filati sicuramente più pregiati sono quelli lavorati da fibre nobili: lana, cashmere, seta, cotone e lino.

Ti va di immergerti ancora più in profondità delle fasce rigide porta bebè? Da cosa si riconosce un buon filato?
Anche quando una fibra tessile naturale è di ottima qualità, la differenza nel risultato finale farà la lavorazione del filato.

Vediamo le caratteristiche specifiche dei filati utilizzati nella tessitura delle fasce rigide

Il filato può essere semplice o ritorto. Il filato semplice consiste in un solo capo, mentre il filato ritorno viene costruito da 2 o da 3 capi ritorti, ovvero intrecciati tra loro. Questa tecnica di ritorcitura rende il filato una consistenza morbida e resistente e dall’aspetto più brillante e lucente. Insomma le caratteristiche molto apprezzate e ricercate nelle fasce tessute porta bebè.

Le palline di peluria sulla tua fascia…

Ti è mai capitato di trovare palline di peluria sulla superficie della fascia? Questo succede quando il filato utilizzato è quello a un solo capo, e quindi un filato meno forte e resistente, più soggetto all’usura. Il filato ritorto, come detto già prima, è più forte e resistente.

La maggior parte dei produttori delle fasce tessute sul mercato utilizzano filati a un capo o ritorti a due capi. Nelle nostre fasce non utilizziamo nessuno dei due di questi sopra citati… :)

Hai mai pensato perché tanti produttori esteri dichiarano di utilizzare filati italiani?

Perché sono di altissima qualità! In Italia abbiamo una lunga tradizione tessile e di alta moda che ha permesso di sviluppare l’industria del tessile, inclusa la produzione di filati pregiati ai livelli più elevati del mondo.

Cerco di utilizzare il più possibile i filati prodotti e lavorati in Italia, tenendo in considerazione soprattutto la qualità del materiale, ma anche i valori etici ed ecologici dichiarati dal produttore.

E finalmente i colori e i loro abbinamenti

Una volta decisa la composizione, il blend, procediamo con lo studiare i colori. Colori di tendenza del momento, colori classici, colori adatti alla stagione. La ricerca di colori procede cercando una piacevole ed elegante mix nei loro abbinamenti.

Abbinamenti? Sì!

Perché le nostre fasce hanno questa caratteristica di essere tessute con più di un filato insieme. Questa caratteristica le differenzia da tante altre fasce sul mercato.

Probabilmente avrete notato che nelle fasce Inkanto il colore non è composto da un filato di un unico colore ma si crea unendo 2 diverse tonalità di filati insieme contemporaneamente nella navetta (l’attrezzo che contiene il filato e trasporta i filati stessi in mezzo all’ordito, la base del tessuto).

In questo modo si creano dei colori che danno quel tocco di originalità e artigianalità che i tessuti prodotti industrialmente non hanno.

Ed è proprio questa la fase più difficile!
Questa è la fase più impegnativa, perché le tonalità nelle cartelle colori risultano sempre diverse in base del colore dell’ordito, la base su cui viene tessuta la fascia.

I colori sono tantissimi – per non parlare di quanti ne puoi creare unendoli e mixandoli tra loro! A volte due colori che sembrano andare bene insieme creano un risultato tutt’altro che gradevole.

A volte, invece, unendo due colori che non pensavi minimamente poter unire, combinati insieme, creano qualcosa di spettacolare.

Proprio per questo motivo sono necessarie tante, ma tante prove di tessitura, esperimenti e il continuo tendere all’eccellenza per riuscire ad ottenere il colore e la sensazione tattile desiderata. Dopo aver deciso i materiali e i colori si procede con la tessitura del tessuto grezzo.

Taglio e confezionamento

Le nostre fasce tessute vengono tagliate e confezionate al momento, il che significa che non disponiamo di fasce pronte ad aspettare la loro destinazione bensì le realizziamo tutte a mano al momento dell’ordine.

Per questo ogni nostra fascia è un pezzo unico, realizzata con la massima attenzione e cura nei minimi dettagli che ci differenzia e conferisce un tocco di artigianalità rispetto a tante altre fasce porta bebè sul mercato.

In questo modo è anche possibile avere una fascia rigida su misura, se hai trovato una lunghezza particolare che ti è comoda.